Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Winifred Banks

Ve la ricordate, nel pieno degli anni ’60, Winifred Banks? Era la moglie del banchiere rigido e severo che assume, suo malgrado, Mary Poppins per seguire i propri figli. All’inizio del film,
diretto da Robert Stevenson e prodotto dalla Disney nel 1964, la signora Banks torna da una manifestazione per i diritti delle donne e intona una canzone che ieri, riascoltandola, mi ha fatto sorridere! A metà tra la parodia e la sintesi dei movimenti femministi di quegli anni.

Signora_banks
"Lacci e catene noi spezzerem…
e tutte unite combatterem…
Noi siam le forze del lavoro e cantiamo tutte in coro: hip hip, suffragette, hurrà!"

DIALOGO CON LE GOVERNANTI: "Buonasera Ellen, Tata Katie. Abbiamo fatto una splendida dimostrazione. La signora Whitbourne-Allen si è incatenata alle ruote della carrozza del primo Ministro. Avreste dovuto vedere! E la signora Ainslie si è fatta trascinare in prigione cantando e lanciando manifestini…"

"Veri soldati in gonnella siam
del voto alle donne gli alfieri siam
ci piace l’uomo preso a tu per tu
ma il governo lo troviamo alquanto scemo.
Lacci e catene noi spezzerem
e tutte unite combatterem
noi siam le forze del lavoro e cantiamo tutte in coro: marciam, suffragette a noi!
Non puoi arrestarci o maschio
son finiti i tempi tuoi
e un solo grido unanime: femmine, a noi!
ben presto in politica seguire ci dovrai
se il voto ancor ci neghi per te saranno guai!
Siam pronte al peggio , anche a morire ormai
chi per il voto muor vissuto è assai
Femmine a noi!

Lacci e catene noi spezzerem
e tutte unite combatterem
noi siam le forze del lavoro
E cantiamo tutte in coro
Marciam…
marciam…
marciam…

  Post Precedente
Post Successivo