Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Tiger woman

Ieri sera sono capitata per caso sulla 7 dove davano il film “Baby boom”. Un film di vent’anni fa, ma ancora molto attuale e che già all’epoca aveva colto, con ironia, il problematico rapporto tra vita professionale e privata di una “tiger woman” – impersonata magistralmente da Diane Keaton – un delicato equilibrio che vacilla con l'arrivo in casa della figlia di un parente defunto. Quando sceglie di tenere la piccola, di quattordici mesi, è automatica anche la rinuncia al lavoro. Ma alla fine nella City ci rientra dalla porta principale, perché le martellatine che si è messa a cucinare in campagna – essendo stata costretta di fatto a ritirarsi vita privata – hanno un enorme successo. Un messaggio di speranza per noi, e un monito caduto nel vuoto a tutti i dirigenti maschi: quando rifiuta la loro offerta di comprare l’azienda lei dice “allora mi avete costretto ad una scelta, e nessuno dovrebbe essere obbligata a farla”! …..