Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Privilegi inutili o parità effettiva?

Ho ricevuto una mail da una persona che denuncia come le riduzioni sui mezzi di trasporto pubblici per i pensionati a Milano (Atm) siano, secondo lui, discriminatorie.  Infatti le donne, andando prima in pensione, usufruiscono prima di tali sconti. E’ un altro modo di affrontare, in maniera concreta e interessante, il più amplio dibattito sul tema dell’età pensionabile. Che – va precisato – molte tra le dirette interessate vorrebbero veder allineata a quella degli uomini.

Credo quindi che in realtà siamo d’accordo con la conclusione del mio simpatico interlocutore: “A mio non sommesso giudizio, anche in queste minuzie, voi donne dovreste scegliere fra privilegi inutili e parità effettiva”.

Ma c’è un altro aspetto interessante di questa inaspettata corrispondenza elettronica. Il signore mi ha girato la risposta, alla sua denuncia, del difensore civico. Una donna, che gli risponde: “quanto alla differenza di trattamento tra uomo e donna lei in qualità di pensionato forse saprà che (…) la diversa età stabilita ai fini del pensionamento è giustificata dall’obbiettivo di compensare le discriminazioni professionali alle quali sono esposte le donne”. Ma come: siccome siamo discriminate sul lavoro, ne possiamo uscire prima? Qualcosa non quadra: forse dovremmo restarci di più, perché ci mettiamo il doppio del tempo a raggiungere le stesse posizioni dei colleghi maschi….