Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Donne e tecnologia/2

Donne e tecnologia, si moltiplicano le iniziative per sfatare un'antica antitesi. Lo scorso 3 marzo Alcatel-Lucent, IMEC, Orange-France Telecom, Microsoft e Motorola, cinque tra le più grandi compagnie nel settore delle Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione (TIC), in occasione della Giornata internazionale della donna, hanno firmato un codice di buone pratiche per le donne, alla presenza di Viviane Reding, il Commissario Ue alla Società dell'Informazione e Media.

Il Codice è il risultato dell' impegno della Commissione europea per rendere attrattive per le donne le opportunità di lavoro nel settore delle alte tecnologie. Questo il sito di riferimento e questo il documento Scarica Codice_ict_inglese

Attivare laboratori tecnologici e campi estivi attraverso i quali le ragazze possano sviluppare una maggiore fiducia in se stesse nell'utilizzo delle TIC; aiutare le donne a tenersi aggiornate sugli ultimi sviluppi tecnologici durante il congedo di maternità; offrire aiuti concreti per conciliare la vita lavorativa con gli impegni familiari; creare forum e reti sulle tecnologie dell'informazione e delle comunicazioni che aiutino concretamente le donne nella ricerca di un'occupazione lavorativa: queste le principali iniziative che intendono attivare i cinque colossi per rendere più accessibile il settore delle alte tecnologie alle studentesse delle scuole superiori o universitarie, ma anche per promuovere e mantenere i posti di lavoro attualmente occupati dalle donne in questo campo.

«La firma di questo codice di buone pratiche costituisce solo un primo passo per rendere più attrattivo l'impiego nel settore delle tecnologie dell'informazione e delle telecomunicazioni per le donne – ha affermato la Reding – Mi complimento con le imprese che oggi dimostrano coraggio e convinzione impegnandosi a rispettare il codice di buone pratiche, che arricchirà senz'altro il settore delle TIC rendendolo più accessibile all'occupazione femminile.
Alle buone pratiche occorre affiancare la definizione di obiettivi precisi. Un modo concreto di farlo è aumentare la rappresentanza femminile nei consigli di amministrazione delle imprese del settore delle ICT. Oggi solo il 7% dei membri dei consigli di amministrazione delle principali 116 imprese ICT sono donne. Il nostro obiettivo è raddoppiare questa rappresentanza entro il 2015.»

La Commissione europea, che ha già cercato di affrontare questa sproporzione nel 2007, seguirà da vicino l'applicazione del Codice ed effettuerà una valutazione entro un anno.

Il Codice è stato siglato nell'ambito della conferenza "Cyberellas are IT!" nel corso della quale la Reding ha presentato un video sull'operazione "Shadowing", avviata nel 2007: l'iniziativa, che viene organizzata ogni anno, permette a un certo numero di giovani donne di seguire da vicino una professionista affermata nel settore delle TIC nel corso di una giornata di lavoro o di incontrare professionisti e esperti nel campo dell'ingegneria, della politica e dell'industria.