Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Perspectives on Work Life Flexibility

Oltre oceano, la flessibilità sul lavoro è riconosciuto come un vero e proprio strumento per attrarre talenti, valorizzare e fidelizzare le risorse in azienda e ridurre il turnover, tutti problemi non solo organizzativi ma anche economici. Ma cosa ne pensano i diretti interessati, i manager? In base ad una recente – e molto interessante – ricerca condotta negli Stati Uniti da BDO Seidman, LLP (uno dei principali gruppi di consulenza legale) e da  Work+Life Fit, Inc (gruppo di consulenza aziendale specializzata nella conciliazione dei tempi) dal titolo “2008 CFO Perspectives on Work Life Flexibility” emerge che per più di due terzi dei manager  (il 75%) flessibilità rima con produttività, attraverso una migliore valorizzazione dei dipendenti, ma anche con riduzione dei costi sociali dell’azienda (il 53%) . D’altro canto però, se i benefici sono ormai conosciuti e riconosciuti, manca ancora un approccio strutturato ed omogeneo all’interno delle aziende: solo un manager su tre circa (il 39%) ammette che ci sia una policy aziendale chiara in questo senso. “Tradurre questa consapevolezza in strategia aziendale significa garantire un maggior successo al proprio business” spiga il rapporto, che potete scaricare da qui: Scarica Flexibility CFO-WorkLifeSurvey