Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Women leaving and re-entering the workfoce

Recuperiamo il tempo perso. E’ il caso di dirlo, e non solo perché vi segnalo ora un interessante studio di Catalyst uscito nel mese di Luglio (quando ero in vacanza) ma perché, con una certa sorpresa, ho scoperto che anche negli Stati Uniti il “reintegro professionale” delle neo-mamme è un tema di scottante attualità, lontano dall’essere un processo quasi naturale e ben codificato. Nello studio “Women Leaving and Re-entering the Workforce” emerge infatti che solo  la metà delle mamme con figli minorenni oltre oceano lavora  tempo pieno (il 51,3% pari a 19,053 milioni di donne), ma soprattutto che quasi un terzo (il 29%, ovvero 10,749 milioni di donne) non lavora per nulla. Scarica Catalyst women_leaving_reentering_workforce

Una cifra ben superiore a quelle che riescono a conciliare casa e ufficio con un part-time (il 16,4% pari a 6,104 milioni). Numeri che fanno riflettere sul potenziale umano, ed economico, ancora inespresso e aiutano forse a capire perché Barack Obama da subito si sia impegnato in prima linea per le donne sul lavoro (vedi il post di gennaio ). E ce n’è un gran bisogno anche lì: un quinto delle mamme che lavoravano dopo aver avuto il primogenito lasciano il lavoro, principalmente – queste le considerazioni qualitative di un’indagine di Catalyst – per impossibilità a conciliare i tempi (quindi a ridefinire gli orari di lavoro).