Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Un’elasti-girl antesignana

Una vita da mondina, nelle risaie del novarese, 43 anni sempre a mollo, pioggia o vento sempre lì a  piantare il riso o a strappare le erbacce. Oggi Francesca Paracchini,  classe 1929, ha ottanta anni suonati ed è stata insignita dell'onorificenza di cavaliere della Repubblica dal ministro Luca  Zaia, visibilmente emozionato quando ha consegnato il cavalierato alla signora che già settant’anni fa ha vissuto sulla sua pelle i difficili equilibrismi di una mamma lavoratrice. «Mi alzavo alle 4 del mattino – ha raccontato ai giornalisti presenti alla cerimonia – alle 5 ero giá in acqua. Acqua sopra e acqua sotto quando pioveva, mi si  formavano anche i ghiaccioli mi veniva da piangere, ma poi non li  sentivo più e sono sempre stata bene» ha detto l'ex mondina.  Francesca quando staccava dal lavoro, all'una del pomeriggio, correva  a prendere i suoi due figli a scuola. Li portava a casa e li accudiva. «La mia giornata continuava tra orto e polli, cena, faccende di  ogni tipo. A letto ci andavo quando potevo – dice – ma dormivo poco.  Le mondine che non avevano figli invece potevano andare a dormire  all'una e mezza almeno, ma io no, mio marito mi ha fatto sempre  lavorare» aggiunge con una nota di rammarico. Chi non si riconosce, mutatis mutandis, nelle parole di questa donna forte e coraggiosa?