Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

In Italia 1,4 figli per donna ma un ultra 60enne ogni 5 cittadini

Nell’annuario statistico dell’Istat – la voluminosa pubblicazione che scatta un ritratto completo e aggiornato del Paese – ho trovato qualche dato interessante relativo a noi donne. In Italia la fecondità delle donne si attesta nel 2008 a 1,41 figli per donna (da 1,37 nel 2007): prosegue dunque il trend crescente osservato dopo il 1995, anno in cui, con 1,19 figli per donna, la fecondità ha toccato il punto minimo. Ma all’interno dell’Unione Europea a 27 Paesi (dati 2007), l’Italia si colloca nella parte bassa della graduatoria, affiancata da Germania e Malta, comunque sopra Polonia (1,31), Romania (1,30) e Slovacchia (1,25).


Parallelamente prosegue il processo di invecchiamento della popolazione, al punto che ormai un italiano su cinque è ultrassessantacinquenne. I “grandi vecchi” (dagli ottanta anni in su) rappresentano il 5,6% della popolazione italiana. A fine 2008 l’indice di vecchiaia (rapporto tra la popolazione con più di 65 anni e quella con meno di 15) registra un ulteriore incremento, raggiungendo un valore pari al 143,1%. Nella graduatoria internazionale (dati 2007), la Germania, con un indice pari a 146,4, è il paese maggiormente investito dal fenomeno dell’invecchiamento, seguita dall’Italia. Bulgaria e Grecia sono gli altri paesi dell’Unione europea in cui la popolazione ha una struttura per età particolarmente anziana. Solo che la Germania è già corsa ai riapri e a breve i dati statistici saranno corretti, per quanto riguarda il Paese guidato da Angela Merkel, grazie ai risultati dell’Alleanza per la Famiglia un grande piano di supporto socio-economico alla struttura famigliare (vedi post..)

Qui trovate la sintesi della pubblicazione Scarica Istat sintesi annuario e questo è il link per la lettura integrale: