Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Donne e lavoro: la risposta alla crisi

E’ stato molto interessante – devo precisare che l’’ho seguita in differita, con agenzie e documenti web – l’incontro di due giorni fa "Donne e lavoro: la risposta alla crisi", organizzato dalla Cisl. Che ha chiesto l'istituzione di un Osservatorio per rilanciare l’occupazione femminile – coinvolgendo Inps, Ministero del Lavoro, parti sociali e istituzioni locali – e l'avvio di un tavolo di confronto con istituzioni e parti sociali. Un’apertura, questa del sindacato, molto interessante come ha sottolineato anche il Ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi che ha riconosciuto alla Cisl di aver aperto da tempo la battaglia per una rimodulazione del part-time. "Questo strumento – ha concluso Sacconi – deve essere normativamente molto più incentivato". Anche se secondo il ministro il problema dell’occupazione femminile – che necessita di concrete politiche di conciliazione – va affrontato prima di tutto con l’utilizzo dei voucher nel lavoro di cura e la valorizzazione dell'esperienza delle tagesmutter. Rispetto al nodo fiscale, il ministro ha invece dichiarato la sua preferenza nei confronti della deduzione per carichi familiari: "Ritornare alle deduzioni per carichi familiari è obiettivo della riforma, compatibilmente con la situazione economica e di finanza pubblica. Anche se sui tempi della riforma e su come si finanzia parla Tremonti per tutti". Una politica incentrata sulla famiglia – della donna all’interno del nucleo famigliare – quindi. Anche se dal ministro arriva la disponibilità ad aprire, nelle prossime settimane, un tavolo sulla flessibilità dell'orario, un tema centrale per recuperare competitività dal lato del lavoro femminile.Questo l'articolo uscito sul Corriere Scarica Donne e lavoro corriere della sera