Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Donne sull’orlo di una possibile ripresa

Come utilizzano le amministrazioni locali i fondi (europei e nazionali) per migliorare l’occupazione femminile? E’ questa la semplice domanda – che necessita pero’ un’articolata risposta – alla qulae hanno provato a riposndere Silvia Ciampi e Gabriella Natoli con il libro “Donne sull’orlo di una possibile ripresa. La valutazione e la programmazione 2007-2013 come risorse per la crescita dell’occupazione femminile”, pubblicato dall’Isfol. Questo il sito per i dettagli della pubblicazione

Attraverso l’esame congiunto dei diversi documenti di programmazione (Programmi operativi regionali del Fondo sociale europeo, Programmi operativi regionali del Fondo europeo di sviluppo regionale, Piani di attuazione degli obiettivi di servizio) in funzione degli obiettivi fissati dalla Road Map per le pari opportunità e attraverso l’analisi dei Piani unitari di valutazione, le autrici hanno ricostruito un quadro generale delle politiche attive per l’occupazione femminile sia a livello nazionale che a livello delle amministrazioni locali. Una particolare attenzione è dedicata all’analisi della capacità di formulare le “domande di valutazione” su questo tema, considerate da molti il punto di partenza essenziale per lo sviluppo della capacità di valutazione dei diversi livelli di governo. “Il tema del lavoro delle donne stenta ancora a trovare una declinazione operativa e autonoma – si legge nel libro – nella selezione dei temi di valutazione da parte delle amministrazioni regionali. Le resistenze ad integrare nelle prospettive di analisi valutativa le innovazioni dettate dalla unitarietà permangono e le amministrazioni tendono a riproporre schemi consolidati, derivanti dalla impostazione della precedente programmazione, non sfruttando ancora a pieno le potenzialità della nuova”. Se da un lato ciò è dovuto ai ritardi in cui versa la programmazione dei fondi strutturali 2007-2013 in Italia, dall’altro lato ha a che fare con le difficoltà che le amministrazioni incontrano a gestire i maggiori spazi di discrezionalità offerti dal processo di valutazione unitario. Lo sviluppo della capacità valutativa può svolgere quindi un ruolo di primo piano . concludono le autrici – nello sviluppo della conoscenza sul lavoro delle donne a supporto della programmazione unitaria.

Questa un’interessante sintesi presentata in dicembre: Scarica Donne sull’orlo di una possibile