Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Mamme che lavorano

Molto interessante l’apertura di oggi del Corriere economia, che nelle prime pagine ha chiesto a tre professoresse dell’ Universita’ Bocconi di ipotizzare alcune misure per favorire l’occupazione femminile, delle mamme e calcolarne costi e benefici in termini economici. Risultato? Con 5 miliardi di euro di detrazioni fiscali si aiuterebbe il “re-ingresso” di 120mila donne nel mondo del lavoro, con effetti positivi sul pil e welfare. A coronare i calcoli, un interessante articolo di Maurizio Ferrera, autore di FattoreD, sulla necessita’ e l’opportunita’ di recuperare importanti -redditizie – risorse nell’economia. Da leggere e tenere da parte

  • Danuz |

    Che dire?
    Tra tre settimane rientrerò al lavoro..ho fatto tutta la maternità disponibile e mi è stato chiesto di fare un mese di ferie..e va bene..
    Ma in una società di servizi multinazionale come quella dove lavoro da ormai nove anni, di egregi professionisti, che dice di essere all’avanguardia sulla parità e negli US ha anche un ufficio apposito per la tutela di tutti quanti indipendentemente dal colore della pelle, dall’orientamento sessuale, ecc.. perchè mai dovrei preoccuparmi del fatto che qui in Italia quando tornerò probabilmente mi sarà impossibile lavorare almeno fino alle 20:00 ogni giorno e che quindi questo mi porterà ad essere “leggermente” messa da parte? Del resto, in passato è già stata fatta slittare di un anno la mia promozione, vista la mia volontà di affermare che forse non era necessario lavorare tutti i giorni fino a tardi per riuscire comunque a raggiungere gli obiettivi..non mi dicano che il motivo è diverso, dopo che mi han detto “quando tutti sono sulla stessa barca e remano, e tu ti rifuti…”
    Sono preparata, no? Altro che part time!
    Grazie di esserci..servisse davvero..!

  Post Precedente
Post Successivo