Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Unemployment rate for women lower than for men

Solo in Grecia ed in Italia il tasso di disoccupazione è ancora più elevato per le donne rispetto a quello maschile. Nel resto d'Europa – rivela questo documento di Eurostat – per la prima volta sono più le donne che gli uomini a lavorare. Complice la crisi, che ha colpito settori – come quello industriale, ma anche quello finanziario  – e trasversalmente ruoli (come quelli di manod'opera e quelli dirigenziali) prevalentemente maschili. E' un dato positivo? Forse più che farsi prendere da facili entusiasmi bisognerebbe riflettere sul fatto che la crisi ha davvero rimesso in discussione l'organizzazione del lavoro e in molti casi i modelli produttivi delle nostre aziende. Mettendo in crisi di fatto – molto più di quanto sono riusciti a fare anni di dibattiti politici e  sociologici – la figura dell'uomo come "breadwinner" , colui che porta a casa la pagnotta. Perché in molti casi ora i compagni, i mariti sono a casa senza lavoro. E tocca alle donne rimboccarsi un'altra volta le maniche.

Scarica EUROSTAT WOEMN UNENMPLOYMENT

  • Crina |

    I ruoli appiccicati dagli altri, dal tempo, dalla cultura.
    La coppia, scusate il gioco di parola, non è per caso che scoppia anche per questo?
    Cosa importa chi porta a casa “la pagnotta” ? Chi lavora a casa avrà un ruolo , chi lavora fuori, un altro.
    Il rispetto in ciò che viene svolto dalla persona come tale non dovrebbe essere assunto con sufficienza , mancanza di rilevanza. E’ importante e BASTA. E questo , è, perchè vero, indipendentemente che sia donna o uomo a svolgere determinati compiti, se ad entrambi vanno bene, e non sono solo accettati.
    Questo non vuole togliere niente al diritto al lavoro delle persone. Quello rimane E dovere di una società economica prodigarsi per questo.
    Ciao

  Post Precedente
Post Successivo