Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Spesa pubblica per la famiglia: tanto scalpore, nessun progresso

L’Italia è il fanalino di coda in Europa per quanto riguarda le risorse destinate a famiglia e maternità: appena l’1,4% del prodotto interno lordo nel 2009, secondo l'ultima Relazione generale sulla situazione economica del Paese 2009  presentata come ogni anno prima dell’estate dal Ministero dell'Economia. Avevo già sottolineato questi dati più un anno fa, analizzandoli dal database dell'Eurostat – l'Istat europeo (/2009/04/spesa-sociale-scuole-dinfanzia-o-congedo-parentale-.html) . Purtroppo anche se noti, questi dati ottengono l'attenzione del grande pubblico, e dei politici, per qualche giorno e poi ricadono in una zona d'ombra dove nulla si muove.

Questo invece il rapporto del Ministero dell'economia: Scarica Relazione generale sulla situazione economica 2010 volume I, Scarica Relazione generale sulla situazione economica 2010 volume III



L'aggiornamento sulla situazione italiana a tutto lo scorso anno lo conferma: nei due anni successivi l’investimento del nostro paese è cresciuto dello 0,2%. Se poi si guarda alle voci del Bilancio dello Stato, emerge che nel 2009 la spesa pubblica per assegni familiari è scesa a 6,39 miliardi di euro dai 6,7 del 2008 (-4,3%). In calo anche la spesa per l'indennità di maternità, che è in un'unica voce di bilancio assieme all'indennità di malattia e per infortuni: la riduzione delle uscite è stata nel 2009 del 2,5% rispetto al 2008.  Il ministro del Welfare Maurizio Sacconi ha commentato i dati spiegando che si devono leggere in maniera più complessiva e che "nel contesto della crisi che abbiamo vissuto, la famiglia viene indirettamente sostenuta anche dalla spesa per invalidità, per ammortizzatori sociali e pensioni”.  Sostegni indiretti o una tantum sembrano però poco utili ad affrontare un problema ormai strutturale e anche i 40 milioni di euro per finanziare la baby sitter di condominio e gli albi per badanti rischiano di fare solo un buco nell'acqua. Se anche ci fossero più posti all'asilo nido, se ad una mamma è così difficile trovare lvoro quante mamme ne usufruirebbero veramente, solo per fare un esempio ?

  • Ducas |

    Io so solo che non appena mia figlia ha compiuto 18 anni, mi hanno tolto quella miseria di assegni familiari che mi davano.

  Post Precedente
Post Successivo