Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Dalla Ue arriva il congedo paternità di due settimane

A Montecitorio era ferma come proposta di legge, ma ora la paternità obbligatoria arriverà direttamente da Strasburgo anche nel nostro Paese, e in maniera più significativa. Non sono infatti più solo  i cinque giorni proposti con coraggio e costanza dalla parlamentare Alessia Mosca (Pd), ma due settimane, a retribuzione piena. Questo il link al sito del Parlamento

La novità è di ieri: il Parlamento europeo ha approvato  modifiche alla legislazione comunitaria in materia di congedo di maternità minimo, portandolo da 14 a 20 settimane, tutte remunerate al 100% dello stipendio. Fin qui nulla di nuovo per l'Italia che con i cinque mesi di "obbligatoria" offre già tutele di prim'ordine. La  novità è invece è legata all'altro genitore:  i deputati hanno infatti approvato l'introduzione del congedo di paternità di almeno due settimane. I  deputati che si sono opposti a questa regola (390 voti a favore, 192 contrari e 59 astensioni la votazione finale sull'insieme del testo)  hanno sostenuto che il congedo di paternità non rientra nell'ambito della legislazione in discussione, che riguarda "la salute e sicurezza delle donne in gravidanza". Una tesi un po' forzata, perché sicuramente avere un partner che aiuta a casa con il neonato ha un impatto diretto su entrambi questi elementi.


Il progetto di legislazione vuole stabilire le regole minime a livello europeo, mentre gli Stati membri resterebbero liberi di introdurre o mantenere i regimi di congedo più favorevoli alle lavoratrici di quelli previsti dalla direttiva. "La maternità non può essere vista come un fardello sui sistemi nazionali di sicurezza sociale, ma rappresenta un investimento per il futuro", ha affermato la relatrice durante il dibattito lunedì.