Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Conciliare stanca

Oggi vi segnalo questo interessante articolo di Marina Piazza – sociologa da sempre attenta osservatrice del mondo femminile, con particolare attenzione al tema della conciliazione – dal titolo: "Conciliare stanca. Cambiamo strategia", pubblicato sul sito di inGenere. Dove sostiene che fino a quando la conciliazione sarà tutta sulle spalle della donna, non faremo che aggravarla di un ulteriore fardello e che invece la conciliazione deve essere sviluppata – come in America – in un'ottica più amplia di work/life balance che includa tanto le mamme che i papà. Per fortuna – complice la crisi, che ha fatto riscoprire obtorto collo a volte il tempo libero e il valore della vita privata, e i "nuovi padri" più giovani e più partecipi – questo in parte sta già avvenendo. Ma ancora solo tra le mura domestiche, sul lavoro prevale ancora un modello maschile basato sulle 10 ore al lavoro e una valutazione professionale legata al presenzialismo, alla quale si adeguano spesso anche le poche donne che hanno scalato i vertici.  Come fare però a cambiare questa cultura, di tipo organizzativo ed aziendale? Anche piccole iniziative – come il Premio FamigliaLavoro della Regione Lombardia – possono contribuire, una dopo l'altra, tante variegate. Si dice gutta cavat lapidem, no? Se poi ci fosse anche un supporto di tipo governativo, una politica per la famiglia di medio termine coerente ed organica sarebbe certo meglio, ma in questo periodo non si può chiedere troppo, pare….