Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Flash mob in Senato sulle quote rosa

Si terrà oggi, martedì 22 alle 13 di fronte al Senato un flash-mob a sostegno della Proposta di Legge bipartisan per l’introduzione delle quote del 30% di donne nei Cda delle società quotate.
Moltissime associazioni e singole manager hanno aderito all’iniziativa per far sentire la loro voce a sostegno di questa proposta di legge, che porterebbe il nostro Paese più vicino agli standard europei quanto ai percorsi di carriera al femminile e alla valorizzazione delle donne in ruoli apicali. Non si capisce infatti perché se le donne sono la maggior parte dei laureati, si laureano prima e meglio, sono ormai oltre il 50% dei dipendenti in molte realtà aziendali, salendo "i gradini" gerarchici questa percentuale si assottiglia al 40%, poi al 30% a livello di middle management e al 10% del top management.


”Il momento è molto delicato visti gli emendamenti presentati per modificare o rendere nullo il testo della proposta – spiegano gli organizzatori – per questo riteniamo sia importante che l’attenzione della società civile e dei media rimanga alta a dimostrazione dell’interesse che proviamo per questa legge che riteniamo cruciale per il progresso della nostra società”. Se il disegno promosso alla Camera da Alessia Mosca (Pd) e Lella Golfo (Pdl) dovesse passare, per chi non rispettasse la legge, si potrebbe procedere allo scioglimento del CdA. Le stesse promotrici hanno lanciato una richiesta in Rete alle donne: far sentire la propria voce firmando un appello al Presidente del Senato (segreteriagabinettopresidente@senato.it ) e a quello della Commissione Finanze Mario Baldassarri (mario.baldassarri@senato.it ) contro l’abbandono della legge.

  • Fedele Razio |

    Speriamo davvero che il Senato sia saggio e lasci decadere questa proposta di legge.
    Altrimenti dovremmo concludere che alle già troppe lobby in giro che manipolano la democrazia si è aggiunta anche la “lobby rosa” (per dirla in modo gentile).
    Scriviamo, anche noi poche persone rimaste di buon senso, ai nostri senatori, per pregarli affinché la loro saggezza e lungimiranza ci evitino questo ennesimo scempio ideologico e sessista.

  Post Precedente
Post Successivo