Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Le competenze ci sono, gli incarichi no

Il 92% del campione ha una o più lauree, il 75% ha esperienza manageriale d'impresa, eppure solo il 13% ha accesso alla stanza dei bottoni. I numeri che parlano dell'esclusione di genere nei consigli di amministrazione sono quelli raccolti dalla  società di Head Hunting Beyond International, incaricata dalla Fondazione Bellisario di analizzare le candidature femminili eccellenti (finora 2000) in vista dell'entrata in vigore della legge sulle quote rosa. In occasione dell'incontro organizzato lo scorso 16 febbraio a Roma da ValoreD, Luisa Bagnoli, amministratore delegato  di Beyond International, ha spiegato come esistano tre tipologie di aziende rispetto a questo tema:
il cliente evoluto, tendenzialmente un grande gruppo, che si organizza per avere almeno nei numeri e nei ruoli il rispetto di una certa percentuale dei 2 generi; il cliente morbido che è reticente al primo incontro ma ma de facto manifesta nel tempo la propensione ad assumere donne solo in posizioni non strategiche; infine il cliente senza vergogna quello cioè che è convinto di essere un'azienda “maschile” per natura, per vocazione e di non percepire quindi il valore della genere diversity. E con passione Luisa Bagnoli ha sottolineato  che il ruolo di una società di cacciatori di testa è importante perché può prima di tutto non escludere ma valorizzare candidature "diverse" rispetto ai classici profili. E poi fare cultura presso l'azienda, sottolineando con profili ad hoc, dati e numeri, che per quel ruolo ci sono candidate donne giuste. Insomma, una piccola rivoluzione se è vero che ancora oggi -  e per ruoli molto meno prestigiosi -ad una candidata donna vengono fatte domande molto diverse rispetto ad un candidato di sesso maschile. Domande che non analizzano le competenze ma tendono ad indagare la vita privata: quante candidate ancora oggi si sentono chiedere se hanno intenzione di "metter su famiglia" , domanda legalmente vietata ma di abituale prassi presso i recruiter? Quante alla fine si tolgono la fede al colloquio e tralasciano volontariamente di dire se hanno figli?  Insomma, si adeguano ad un meccanismo di ingresso o crescita nel mercato del lavoro che fino ad ora prevede un unico modello di successo: il candidato maschile, sempre disponibile e "non distratto" dalla vita privata. Un modello che per fortuna sta cambiando. Scarica Generare Valore Senza Esclusione di Genere