Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Fornero: “La maternità non è solo un fatto di donne”

Riflettori puntati questa sera sulla riforma del mercato del lavoro proposta dal Premier Mario Monti, che hai poi delegato al Ministro per il Lavoro Elsa Fornero(questo il video dal sito del Governo l'illustrazione delle misure. Tra queste – come anticipato – la reintroduzione di un sistema che impedisca le dimissioni in bianco e la paternità obbligatoria. Perché – ha spiegato questa sera il Ministro – è un modo per far cambiare la mentalita: la maternita non e' un fatto solo di donne". E se bisogna conciliare i tempi del lavoro con quelli della famiglia, è tutto il nucleo famigliare – papà compreso – a fare lavoro di squadra. In sostanza, si incomincerà con un triennio sperimentale e i costi dei giorni di paternità obbligatoria dovrebbero essere assunti, almeno in una prima fase, direttamente dallo Stato. Un modo di incentivarne l'utilizzo, con la realistica consapevolezza che non ci sarà forse subito un boom di richieste.

  • Anna |

    Caro Andrea, i figli in quanti si fanno? Perché allora l’uomo – secondo te – parteciperebbe volentieri alla prima parte ma non lo si puo’ “obbligare a svolgere un ruolo che non si sente di assumere”? Spero che i neo-papa’ siano un po’ più maturi di cosi’. E poi – non so se hai gia’ esperienza diretta in merito – ti assicuro che non si è ”
    pagati per far nulla,come molte donne che in maternità vedi girare per i negozi”. Forse escono perché dopo una notte in bianco pensano che l’aria aperta e il movimento possa aiutare il pupo ad addormentarsi o – se sono senza – si regalano un’oretta di autogratificazione.

  • Andrea |

    beh certo domandando a donne in carriera è facile la risposta,loro sono giunte a certi livelli proprio delegando figuriamoci cosa potremmo attenderci da queste figure.
    non fanno altro che perorare cause autoreferenziali.
    obbligare una persona a svolgere un ruolo che non si sente di assumere è talmente stupido e controproducente,neanche pensano al fatto che una persona potrebbe tranquillamente starsene a casa e lasciare il figlio ad altri nel frattempo.
    pagato per far nulla,come molte donne che in maternità vedi girare per i negozi.
    la fornero parla di finanziamenti,ahahaha incredibile l’italia ha metà del debito pubblico europeo verso le imprese e si pensa a misure di imposizione per la forza lavoro.
    SCANDALOSO,DOVE SONO I MILIARDI CHE SERVONO ALLE PMI ?
    mi è passata sotto gli occhi di recente la statistica sulle giornate di lavoro perse nel 2010 nella solo nella PA per congedi di vario tipo.
    soldi pubblici nel cesso come sempre.
    e mi stupisce che su il sole 24 non vengano fatte rispettare le voci delle aziende,come ci siamo ridotti.
    mi raccomandato un bel post per la nestlè che viola certe leggi all’estero sfruttando anche i minorenni ma concede i congedi ai dipendenti,ergo le sarà simpatica sicuramente.
    che amarezza.
    io comunque non prenderò alcun giorno di congedo,esistono le ferie peccato che questa professoressa non ne sia a conoscenza.

  Post Precedente
Post Successivo