Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Più istruite, più “agguerrite” sul lavoro, e con due figli

Modern-Parenthood
Sintesi grafica molto efficace dell'Atlantic su come sta cambiando il profilo professionale delle mamme. Sono più istruite, sempre di più lavorano a pieno ritmo e questo facilita anche un rapporto più paritario nei carichi di cura a casa (vedi figura a lato). Ma sempre più spesso due è il numero massimo di bambini per famiglia di genitori che lavorano, e la probabilità di non avere figli è raddoppiata dal 10 al 20% in circa trent'anni. Interessante focus che se anche oltre oceano ha delle corrispondenze nel nostro Paese. Anche se in Italia manca ancora un approfondimento così specifico, e sarebbe invece molto utile. Questo il link

  • Anna |

    Potremmo scoprire cosa che non volevamo sapere 😉 Grazie per il commento!

  • diana |

    note veloci:
    *in passato, i bambini più piccoli erano spesso curati dai fratelli maggiori (e non solo dalle madri); le ore di child care sembrano infatti aumentate pur in dimunuzione del numero di bambini;
    * il totale ore di housework è diminuito: forse che le donne italiane si stanno accorgendo che ‘una casa pulita è una vita sprecata’ ? 😉 [entro i limiti, ovviamente – ma senza continuare a ripulire il pulito per far vedere che fai qualcosa, ora che non occorre più andare al fosso per fare il bucato]
    * presumo che diverse donne nel ’65 non avessero scelta circa la possibilità di poter lavorare e/o non avere figli. Non intendo una vera costrizione ma semplicemente un condizionamento culturale (oltre al fatto che in una economia rurale i figli sono una risorsa, non un costo).
    Sarebbe davvero interessante confrontare il dato di partenza del 1965 con la situazione attuale nei diversi paesi.
    PS grazie per il blog!

  Post Precedente
Post Successivo