Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Proposta di legge sullo smart working

Non chiamiamolo più telelavoro. Per come si è evoluto nel nostro Paese – poco e male- vale la pena ripartire dal nome, e riscrivere le norme. E' questo che sta provando a fare l'on. Alessia Mosca con una proposta di legge che recepisca tutte le innovazioni tecnologiche ma anche le nuove modalità organizzative nelle aziende. Dopo averne anticipato i contenuti all'incontro dell'associazione ValoreD lo scorso 19 novembre, il testo è ora disponibile e l'intenzione è di recepire modifiche e/o suggerimenti dagli addetti ai lavori, e dai diretti interessati.  Da leggere:  Download Pdl smartworking bozza Alessia Mosca


 Non è peraltro l'unica iniziativa che vorrebbe innovare – per non dire svecchiare – il lavoro. Un'altra interessante iniziativa è l 'invito congiunto rivolto la settimana scorsa da Michele Tiraboschi e da Pietro Ichino a tutti gli addetti ai lavori per la verifica e messa a punto dell’impostazione e dei contenuti un Codice semplificato del lavoro. Hanno già risposto da tutta Italia più di 200 giuslavoristi. Eppur qualcosa si muove, si potrebbe dire! 

  • Caterina |

    Sono una tlv da anni per un ente Regione Piemonte. Mi permetto di osservare che non ha senso cambiare nome per creare ulteriore disinformazione. E che la proposta, presentata, non è per nulla coraggiosa. L’invito è: superare gli ostacoli dettati dal non sapere come si lavorano gli atti d’ufficio, aderire ad un progetto di rinnovo sociale in economia ambientale e risorse umane. Conciliazione vita e lavoro. Certo ci vuole coraggio, ma persistere è la risorsa. Grazie

  Post Precedente
Post Successivo